Biocombustibili: se l’Europa è immorale

Biocombustibili: se l’Europa è immorale

Continua il dibattito sui biocarburanti. Combustibile

14 aprile 2011

0

Obbiettivi immorali. Questa l’accusa lanciata all’Unione Europea da parte del Nuffield Council sulla Bioetica, istituto che da vent’anni si interroga sulle questioni etiche legate allo sviluppo in campo medico e biologico.

 

Nel mirino del Council sono finiti i biocarburanti, combustibili per il trasporto ottenuti da piante come grano, mais e canna da zucchero. L’Unione Europea, infatti, si è proposta di raggiungere la quota del 10% di carburante “bio” sul totale di quello utilizzato per il trasporto entro il 2020: un obbiettivo immorale, secondo l’instituto inglese.

 

Ma perché? Uno dei maggiori problemi legati all’uso di biocombustibilli è il fatto che la loro produzione toglie terre coltivabili che potrebbero fornire cereali ad uso alimentare. I biocumbustibili certo non affamano direttamente la popolazione più povera, ma sono una concausa dell’aumento del prezzo del cibo che spesso lo porta fuori dalla portata di centinaia di migliaia di persone, in Nord Africa, Centro e Sud America, Asia.

 

Secondo la Banca Mondiale fra ottobre 2010 e gennaio 2011 i prezzi del cibo a livello globale sono aumentati del 15%. Questo significa che 44 milioni di persone sono finite nel giro di tre mesi sotto la soglia di povertà.In pratica fanno fatica a permettersi cibo a sufficienza per vivere.

 

Il Nuffield Council chiede ai governi di incoraggiare la produzione di biocarburanti che utilizzino meno terra (in termine di superficie), meno fertilizzanti e pesticidi e soprattutto non entrino in competizione con la produzione di alimenti.

 

Vedremo se l’Europa darà loro ascolto.

 

© Riproduzione riservata

Privacy Autorizzo al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art.13 del D.Lgs. 196/2003.
I dati saranno utilizzati per dare corso alla richiesta di abbonamento e non saranno ceduti a terzi. Leggi le note legali

* I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori

NOTA Per evitare messaggi inopportuni e spam, il commento non sarà immediatamente visualizzato.
La redazione provvederà a pubblicare i commenti al più presto, mentre i messaggi diffamatori, offensivi, razzisti e sessisti saranno eliminati.