Tsunami, il pericolo scritto sulla pietra

Tsunami, il pericolo scritto sulla pietra

Centinaia di colonnine di pietra mettono in guardia gli abitanti sulle colline della costa giapponese. E una di loro ha salvato un villaggio

21 aprile 2011

0

Lo avevano lasciato scritto a futura memoria i giapponesi dei secoli passati. In certi zone dell’isola a rischio tsunami non bisogna costruire.

 

Un esempio è la stele di Aneyoshi, un piccolo villaggio di collina, 11 case e 34 abitanti, a poca distanza dalla costa nel nord-est del Giappone. Su quella pietra alta poco più di un metro, nel mezzo di un bosco, è stata incisa la frase: “Non costruite case al di sotto di questo punto”. Il monito è stato rispettato e, durante lo tsunami dell’11 marzo scorso, le onde non hanno raggiunto il piccolo gruppo di case.

 

In realtà quella di Aneyoshi è solo una delle centinaia di pietre/consigli disseminate lungo la costa giapponese, testimonianze dei passati terremoti e di ondate disastrose. Alcune steli indicano dove sia meglio costruire, altre si limitano a registrare i danni degli tsunami del passato, altre ancora somigliano a una sorta di lapide collettiva.

 

Tutte quante però raccontano la tormentata storia di questa parte di Giappone. Il villaggio di Aneyoshi, ad esempio, è stato già ricostruito tre volte. Uno tsunami l’aveva infatti distrutto nel 1896, lasciando solo due sopravvissuti. Negli anni successivi era stato ricostruito e si era riavvicinato alla costa. Ma un’altra ondata se l’è portato via nel 1933, allora i sopravvissuti sono stati quattro.

 

E’ a quell’epoca che è stata piantata la pietra che ancora oggi fa da monito agli abitanti. Che per fortuna hanno deciso di rispettarne il consiglio. L’ondata distruttiva, questa volta, si  fermata meno di cento metri sotto la stele.

Privacy Autorizzo al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art.13 del D.Lgs. 196/2003.
I dati saranno utilizzati per dare corso alla richiesta di abbonamento e non saranno ceduti a terzi. Leggi le note legali

* I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori

NOTA Per evitare messaggi inopportuni e spam, il commento non sarà immediatamente visualizzato.
La redazione provvederà a pubblicare i commenti al più presto, mentre i messaggi diffamatori, offensivi, razzisti e sessisti saranno eliminati.