La morte di Bin Laden, una notizia da social network

La morte di Bin Laden, una notizia da social network

Come si poteva immaginare, internet è stato il mezzo più veloce a diffondere la notizia.

2 maggio 2011

0

Gli utenti di Twitter e Facebook sono stati i primi ad apprendere la notizia che oggi campeggia sui siti di tutto il mondo: Osama Bin Laden, il famoso sceicco ricercato in tutto il mondo e accusato della strage dell’11 settembre 2001, è stato ucciso da un blitz delle forze americane ad Abbottabad, in Pakistan.

 

A quanto pare, il primo ad aver dato notizia della morte di Bin Laden su Twitter è stato Keith Urbahn, già capo staff dell’ex sottosegretario alla Difesa USA Donald Rumsfeld. Nel suo tweet, Urbahn diceva: “So I’m told by a reputable person they have killed Osama Bin Laden. Hot damn”. Che tradotto suonerebbe come: “Mi è stato riferito da una persona affidabile che hanno ucciso Osama Bin Laden. Accidenti”.

 

Durante il successivo discorso alla nazione del presidente degli Stati Uniti Barack Obama, si sono registrati più di 4000 tweet al secondo.

 

Anche su Facebook la notizia è ovviamente passata di bocca in bocca, o meglio, di tastiera in tastiera. Solo pochi minuti dopo l’annuncio della notizia, alcuni utenti avevano già creato la pagina “Osama Bin Laden è morto“.

 

Al momento la pagina ha accumulato oltre 276mila “mi piace”. Ma c’è da giurare che il numero aumenterà.

 

© Riproduzione riservata

Privacy Autorizzo al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art.13 del D.Lgs. 196/2003.
I dati saranno utilizzati per dare corso alla richiesta di abbonamento e non saranno ceduti a terzi. Leggi le note legali

* I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori

NOTA Per evitare messaggi inopportuni e spam, il commento non sarà immediatamente visualizzato.
La redazione provvederà a pubblicare i commenti al più presto, mentre i messaggi diffamatori, offensivi, razzisti e sessisti saranno eliminati.