Lo spreco del cibo

Lo spreco del cibo

Secondo un rapporto della FAO buttiamo ogni anno più di un miliardo di tonnellate di generi alimentari. Un problema globale

13 maggio 2011

0

La scarsità di cibo e il costante aumento dei prezzi di alcuni generi alimentari a livello globale (dal grano al riso) sono un problema di distribuzione e di sprechi.

 

È quanto emerge da uno studio commissionato recentemente dalla FAO, secondo cui, ogni anno vengono perse 1,3 miliardi di tonnellate del cibo prodotto. In pratica, un terzo di quello che viene pescato, allevato, coltivato si perde invece che essere consumato.


Europa e Stati Uniti da soli bruciano 222 milioni di tonnellate di cibo all’anno, di fatto più di tutto quello che viene prodotto nell’Africa sub-sahariana.

 

La colpa, secondo lo studio, è da ricerca nell’inefficenza dei processi produttivi e soprattutto nell’inefficacia della distribuzione che non riesce ad allocare in maniera soddisfacente i diversi generi alimentari.

 

Il report fa anche un’importante distinzione fra cibo perso e cibo sprecato. Nella prima categoria (in blu nell’immagine che segue) rientrano le perdite per problemi infrastrutturali, packaging non adatti, problemi tecnici e tecnologici. Nella seconda (in rosso) rientra il cibo che invece i consumatori (e i ristoranti, i fats food, le mense) gettano nella spazzatura.

 

Quantità (in kg) di cibo pro capite sprecati ogni anno in Usa e UE

 

 

Ma non solo, ricorda l’Onu, sprecando cibo si vanificano anche altre scarse risorse dal lavoro, all‘acqua, al consumo di terreni fertili.

Privacy Autorizzo al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art.13 del D.Lgs. 196/2003.
I dati saranno utilizzati per dare corso alla richiesta di abbonamento e non saranno ceduti a terzi. Leggi le note legali

* I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori

NOTA Per evitare messaggi inopportuni e spam, il commento non sarà immediatamente visualizzato.
La redazione provvederà a pubblicare i commenti al più presto, mentre i messaggi diffamatori, offensivi, razzisti e sessisti saranno eliminati.