Le librerie più ispirate del mondo

Le librerie più ispirate del mondo

Una galleria fotografica per scoprire i posti più belli (o strani) dove acquistare un libro.

16 maggio 2011

1

Per i bibliofili è quasi un obbligo: quando si trovano in una città nuova e passano davanti a una libreria, è quasi impossibile per loro riuscire a non entrare. Ancor di più quando lo spettacolo che si trovano di fronte è magnifico.

 

Una galleria fotografica realizzata dal sito di viaggi Trazzler mostra come per vendere libri a volte non basti avere qualche scaffale e uno spazio dove metterli. Un tema che dovrebbe interessare parecchio anche alle case editrici italiane e ai rivenditori. Che proprio in questi giorni si sono ritrovati al Salone internazionale del libro di Torino, che oggi 16 maggio chiude la sua 24° edizione.

 

Si va dalla curatissima Daunt Books di Londra alla splendida cattedrale gotica di Maastricht in Olanda, riconvertita da qualche anno in libreria dopo alcuni lavori di ristrutturazione.

 

La "cattedrale" del libro di Maastricht, Olanda

 

Oppure c’è El Ateneo Grand Splendid di Buenos Aires, il più grande negozio di libri di tutto il Sud America, situato in un teatro del XIX° secolo che ospita anche un bellissimo affresco dell’artista italiano Nazareno Orlandi.

 

El Ateneo Grand Splendid di Buenos Aires, Argentina

 

Ma oltre che splendide librerie, ce ne sono anche di particolari. Come la Jimbocho Book Town di Tokyo, che, con i suoi testi impilati in scaffali tutti uguali, ha la più alta concentrazione di libri del mondo.

 

Oppure è il caso del Sour El Azbakia Book Market del Cairo, in Egitto. Qui i libri giacciono ammassati sul pavimento e sugli scaffali, storti, uno sopra l’altro, senza alcun ordine logico. Se hai voglia di curiosare, sei il benvenuto. Ma se cerchi qualcosa di specifico: buona fortuna!

 

© Riproduzione riservata

Privacy Autorizzo al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art.13 del D.Lgs. 196/2003.
I dati saranno utilizzati per dare corso alla richiesta di abbonamento e non saranno ceduti a terzi. Leggi le note legali

* I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori

NOTA Per evitare messaggi inopportuni e spam, il commento non sarà immediatamente visualizzato.
La redazione provvederà a pubblicare i commenti al più presto, mentre i messaggi diffamatori, offensivi, razzisti e sessisti saranno eliminati.

  • Sara Bauducco scrive:

    Più che di obbligo si può parlare di piacevole dipendenza. E’ difficile stare lontani dalle librerie e non curiosare tra le pagine delle nuove uscite, tra le ristampe, tra i generi a cui si è affezionati… E’ vero, spesso è anche questione di clima: ci sono librerie che non invitano a soffermarsi, che sono caotiche o che hanno solamente quei titoli maggiormente pubblicizzati… Il piacere della lettura inizia dalla scelta stessa del libro.