Trovare parcheggio al telefono

Trovare parcheggio al telefono

Basta giri inutili e chilometri a vuoto. Adesso c'è un'applicazione per iPhone che segnala il posto libero dove mettere la macchina.

18 maggio 2011

0

È il sogno di ogni automobilista, l’invenzione che per molti aspetti rivoluzionerà il modo di guidare: è un’applicazione per smartphone che segnala all’automobilista il parcheggio libero più vicino.

 

Il servizio è stato già attivato negli Stati Uniti, precisamente a San Francisco. L’applicazione, chiamata SFPark, funziona attraverso una serie di sensori posti in prossimità dei parcheggi e dei garage coperti, collegati a una cartina di Google Maps che ti guida alla ricerca dell’agognato posto libero.

 

Il problema parcheggi è così risolto? La percentuale di successo è di circa il 90%. Nel resto dei casi a volte l’applicazione si sbaglia, altre volte semplicemente è arrivato qualcuno più veloce.

 

Questa piccola invenzione sarà inevitabilmente destinata a cambiare la vita degli automobilisti. Basti pensare all’enorme risparmio di energia e di tempo, che potranno essere destinati ad attività ben più importanti. Ai ritardi che si eviteranno così di fare agli appuntamenti.

 

Ma l’impatto più importante sarà senz’altro quello sulla salute delle persone. Se da un lato infatti in America si sta già discutendo quanto possa essere sicuro guidare una macchina con un occhio suul’iPhone per trovare parcheggio, dall’altro non si può non sottolineare il taglio netto allo stress che ogni automobilista è costretto a fronteggiare attualmente per “l’incubo parcheggi”.

 

I romani attendono con ansia l’arrivo dell’applicazione anche in Italia.

 

© Riproduzione riservata

Privacy Autorizzo al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art.13 del D.Lgs. 196/2003.
I dati saranno utilizzati per dare corso alla richiesta di abbonamento e non saranno ceduti a terzi. Leggi le note legali

* I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori

NOTA Per evitare messaggi inopportuni e spam, il commento non sarà immediatamente visualizzato.
La redazione provvederà a pubblicare i commenti al più presto, mentre i messaggi diffamatori, offensivi, razzisti e sessisti saranno eliminati.