Eroticamente scorretto

Eroticamente scorretto

Il quotidiano Libero parla di ITALIC e della cover story del numero di maggio: le immagini di nudo femminile sono apparse prima sui media cartacei.

26 maggio 2011

0

Parlano di noi.

 

Francesco Borgonovo, giornalista del quotidiano Libero, ha dedicato oggi 26 maggio un articolo a pagina 32 sullo studio di Luigi Gariglio pubblicato dal numero di maggio di ITALIC: non è stata la televisione a inventare lo sfruttamento del corpo della donna.

 

Gariglio, docente di Visual Studies all’Università di Torino e alla Naba di Milano e photo editor di ITALIC, ha studiato le copertine delle riviste italiane della seconda parte del Novecento e ha scoperto che in Italia, quando sono partite le prime trasmissioni RAI, nel 1954, le pagine di alcune prestigiose testate italiane ospitavano già immagini di nudo femminile.

 

Le copertine dei settimanali italiani erano già un caso unico tra i paesi occidentali. L’opinione comune infatti vuole che sia stata la televisione, e in particolare quella commerciale degli anni Ottanta, a inventare l’uso e l’abuso del corpo femminile nei media italiani. ITALIC racconta invece una storia diversa.

 

L’articolo di Luigi Gariglio è leggibile integralmente su questo sito.

 

“Sono molto contento che il giornale e lo studio abbiano avuto visibilità”, dice Luigi Gariglio. “Ringrazio Borgonovo per l’attenzione che ha dedicato a ITALIC e per la puntualità del suo articolo”.

 

Gariglio domani sera, dalle 18 alle 22, inaugurerà una mostra fotografica dal titolo “Sleeping beauties“, nella galleria Photo&Contemporary di via dei Mille 36, a Torino. La mostra sarà aperta fino al 27 giugno.

 

“Saranno 7 fotografie di grande e medio formato e 4 fotocomposizioni”, spiega Gariglio. “Sleeping Beauties è un progetto che prende vita dalla fascino esercitato dalla celebre fiaba di Charles Perrault (scritta nel 1697) e dalla lunga tradizione iconografica che ne ha caratterizzato le successive rappresentazioni, attraverso il concetto di bellezza femminile e i suoi stereotipi occidentali”.

 

© Riproduzione riservata

Privacy Autorizzo al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art.13 del D.Lgs. 196/2003.
I dati saranno utilizzati per dare corso alla richiesta di abbonamento e non saranno ceduti a terzi. Leggi le note legali

* I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori

NOTA Per evitare messaggi inopportuni e spam, il commento non sarà immediatamente visualizzato.
La redazione provvederà a pubblicare i commenti al più presto, mentre i messaggi diffamatori, offensivi, razzisti e sessisti saranno eliminati.