Il “coraggio liquido” di un birraio

Il “coraggio liquido” di un birraio

Teo Musso fondatore del birrificio Baladin racconta a ITALIC la sua esperienza. Mercoledì 22 parteciperà a Italian Sessions con Oscar Farinetti, presidente di Eataly.

21 giugno 2011

0

Quando risponde al telefono Teo Musso, fondatore del Birrificio Baladin, è a Lecce per collaborare alla nascita della Birra Salento. In serata sarà a una degustazione a Bari, domani mattina a una riunione a Roma, quindi la sera a Torino per un incontro in occasione di Italian Sessions.

 

Fate curage, avrebbe detto mia madre in una situazione simile”. Appunto. Il birraio di Piozzo, provincia di Cuneo, domani interverrà proprio ad una Lezione sul coraggio.

 

Partito da un piccolo pub, Teo Musso adesso anima un mondo, variegato ed enorme, basato sulla birra. Ma che spazia dal malto ai viaggi organizzati, alle bibite, fino alle creme di bellezza.

 

La storia della Baladin è una storia di coraggio e di voglia di osare. Nasce infatti a Piozzo, nelle mezzo delle Langhe, terra di vino, di barbera e nebbiolo. Un mondo che con la birra aveva poca confidenza. Eppure Teo Musso fonda qui il suo pub. La prima mossa che porterà, nel ’95-’96, alla creazione delle prime birre targate Baladin.

 

“Ormai sono 25 anni che sono immerso nella birra – racconta Musso – e allora il contesto non era assolutamente facile: si trattava di ridare prestigio e valore a una bevanda che aveva perso identità, appiattita su una qualità di poco conto”.

 

Per il futuro birraio, tutto è iniziato nell’adolescenza, da un conflitto con il padre che si consumava sulla tavola di casa. “Lui era viticoltore – spiega Teo Musso – ma io ad un certo punto ho iniziato a pasteggiare a birra, rifiutando l’onnipresente bottiglia di vino”.

 

I primi anni non sono stati facili. Da “monaco solitario”, dice il birraio. Poi qualcosa ha iniziato a muoversi e la ricerca di una birra artigianale buona e originale ha trovato attenzione. E clienti. “In fondo il coraggio è proprio questo continua Teo Musso: è testardaggine, è la volontà di tradurre in opere idee non comuni che si hanno nella testa”.

 

Sull’esempio di Baladin poi sono nati sempre più microbirrifici, un po’ in tutta Italia. Ormai sono già più di trecento. “La mia rilettura del modo di intendere la birra ha destato interesse – dice Teo Musso – e sì, forse ha aperto la strada anche ad altri”.

 

La prossima “rivoluzione culturale” che partirà di Piozzo sarà creare una birra nazionale in tutto e per tutto, dalle materie prime alla lavorazione. “Una cosa che l’Italia non ha mai avuto”. La Nazionale, questo il nome, verrà lanciata entro fine anno. Pur con qualche difficoltà, soprattutto nella coltivazione e organizzazione della filiera del luppolo. “Ma vinceremo anche questa”, assicura Teo Musso.

 

ITALIAN SESSIONS – PER RIFARE L’ITALIA, è il ciclo di incontri curato da Telecom Italia, in collaborazione con Scuola Holden. Alla Lezione sul coraggio di mercoledì 22 giugno parteciperanno Oscar Farinetti, Giovanni Soldini, Gianmaria Testa, Lella Costa. L’incontro sarà visibile in streaming a partire dalla 18.30 sul sito italiansessions.it

 

Matteo Acmè

 

© Riproduzione riservata

Privacy Autorizzo al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art.13 del D.Lgs. 196/2003.
I dati saranno utilizzati per dare corso alla richiesta di abbonamento e non saranno ceduti a terzi. Leggi le note legali

* I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori

NOTA Per evitare messaggi inopportuni e spam, il commento non sarà immediatamente visualizzato.
La redazione provvederà a pubblicare i commenti al più presto, mentre i messaggi diffamatori, offensivi, razzisti e sessisti saranno eliminati.