A scuola di buon governo

A scuola di buon governo

Dal 27 agosto al 4 settembre si svolgerà a Matera una summer school organizzata da Rena, la Rete per l'eccellenza nazionale.

22 giugno 2011

0

“Crediamo che il miglioramento della qualità della democrazia e della Pubblica Amministrazione, e lo sviluppo delle comunità locali siano nelle mani dei cittadini. Vogliamo investire nelle giovani generazioni, valorizzare la formazione come strumento per far emergere il talento, coltivarlo e metterlo al servizio del bene pubblico”.

 

Hanno le idee molto chiare gli associati di Rena, la Rete per l’eccellenza nazionale, sul motivo per cui è importante organizzare una summer school come la loro. A Matera, infatti, dal 27 agosto al 4 settembre prossimi, ci sarà un ciclo di incontri, confronti, convegni, corsi e progetti pratici che avrà come tema “buon governo e cittadinanza responsabile”.

 

“L’idea di base nasce da un gruppo di ricercatori di Rena che voleva fare qualcosa in favore del ‘buon governo’ con la partecipazione delle nuove generazioni”, dice Francesca Galli, capofila del progetto. “Per buon governo noi ci riferiamo soprattutto al punto di vista locale-amministrativo, cioè di una città o comunque di una realtà piuttosto piccola. Si è scelto il sud, e Matera in particolare, perché la Basilicata è un’area che spesso viene dimenticata e Matera ha anche le dimensioni giuste per poter fare da città esperimento”.

 

La summer school si rivolge a trenta giovani tra i 25 e i 35 anni che hanno esperienza in ambito amministrativo o con qualche ONG. I trenta selezionati non spenderanno nulla, perché beneficeranno di una borsa di studio finanziata da sponsor istituzionali e locali. I ragazzi inoltre riceveranno anche del materiale su cui potranno lavorare in anticipo.

 

“La selezione avverrà per titoli. Ma soprattutto in base alla motivazione del candidato a partecipare”, spiega ancora Galli. “Le giornate saranno diversificate. Un giorno si porterà all’attenzione un esempio di buon governo, chiamando un amministratore che ha applicato nella pratica i buoni princìpi. Altre volte ci potranno essere dei corsi, per esempio sull’attivismo civile e sociale. Altre volte invece ci saranno delle progettazioni di iniziative, altre volte dei confronti con gli amministratori”.

 

Va infatti sottolineato che le varie istituzioni saranno chiamate a partecipare attivamente per confrontarsi e parlare con i ragazzi. Ci saranno anche ospiti illustri, come il filosofo Massimo Cacciari, il giornalista Antonello Caporale e l’ex direttore dell’Economist Bill Emmott.

 

“Gli obiettivi sono sostanzialmente due”, spiega Galli. “Formare degli amministratori e cittadini migliori che possano partecipare al meglio nella vita e amministrazione pubblica; creare una piattaforma di valutazione delle politiche pubbliche che verrà lasciata in eredità alla città di Matera”.

 

Ma a livello locale, com’è stata l’accoglienza delle istituzioni? Non c’è stata un po’ di diffidenza? “Assolutamente no”, risponde la capofila del progetto. “Innanzitutto perché noi andiamo a operare su politiche ben specifiche, come lo smaltimento dei rifiuti o lavorare all’interno della scuola. Quindi nessuna diffidenza nei nostri confronti. Anzi, ho riscontrato tanto interesse. Infatti nell’ultimo giorno faremo anche un bar camp, dove presenteremo i risultati di queste giornate alla presenza delle autorità pubbliche, per poter interagire con loro”.

 

 

Rena si definisce “un’associazione indipendente di giovani che vogliono fare dell’Italia un paese aperto, responsabile, trasparente, equilibrato”. Gli “arenauti”, come si chiamano gli associati, sono per lo più persone che operano nei diversi settori pubblici e privati, a più livelli: locale, nazionale, europeo e internazionale.

 

Chi volesse candidarsi per la summer school può compilare direttamente questo form online. Per ogni altra informazione, inoltre, e per il programma completo, si può consultare il sito di Rena.

 

Valerio Pierantozzi
©Riproduzione riservata

Privacy Autorizzo al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art.13 del D.Lgs. 196/2003.
I dati saranno utilizzati per dare corso alla richiesta di abbonamento e non saranno ceduti a terzi. Leggi le note legali

* I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori

NOTA Per evitare messaggi inopportuni e spam, il commento non sarà immediatamente visualizzato.
La redazione provvederà a pubblicare i commenti al più presto, mentre i messaggi diffamatori, offensivi, razzisti e sessisti saranno eliminati.