Da Torino “Verso Milano Expo 2015″

Da Torino “Verso Milano Expo 2015″

Dopo Milano, Venezia e Firenze fa tappa nel capoluogo piemontese la mostra che anticipa i temi dell'Esposizione Universale 2015

19 luglio 2011

0

Torino e Milano sono città sempre più vicine. Sono a un’ora di treno con l’Alta Velocità. Nel programma della Milanesiana di quest’anno c’erano diversi appuntamenti nel capoluogo piemontese. E il neo-assessore Stefano Boeri ha rivelato a ITALIC che Torino dovrebbe essere una sorta di modello di riassetto urbano per Milano.

 

Così diventa quasi scontato che Verso Milano Expo 2015, la mostra che anticipa e introduce l’Esposizione Universale in programma sotto la Madonnina fra quattro anni, faccia tappa a Torino.

 

Da oggi fino al 20 agosto acqua, energie pulite e alimentazione verranno raccontate ai visitatori delle Officine Grandi Riparazioni. La mostra è curata dall’architetto Aldo Cibic, dalla professoressa Maria Antonietta Crippa e da Sandro Fusina, collaboratore del Foglio.

 

“Si tratta – dice Fusina a ITALICnews – un po’ di un pretesto per ricordare al paese che tra quattro anni ci sarà un’Expo a Milano. Questa mostra serve a coinvolgere anche le altre città italiane e non farne un appuntamento solo lombardo”. Per questo l’installazione ha già fatto tappa a Milano, Venezia e Firenze, “non a caso – continua Fusina – l’allestimento è stato pensato e progettato a moduli, per essere impacchettato e fatto viaggiare”.

 

Un percorso multimediale spiegherà il tema dell’Expo 2015 “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”, centrata su alimentazione e culture culinarie da ogni parte del mondo.

“Tutti parlano di aree edificabili, di cemento e di palazzi – racconta Aldo Cibic – ma nessuno discute del tema dell’Esposizione. Con questa mostra vogliamo riportare l’attenzione sull’alimentazione, un tema immenso e affascinante, fondamentale per l’umanità”

 

Non solo, la mostra sarà anche l’occasione per ripercorrere la storia delle Esposizioni Universali, da quella di Londra del 1851 fino alle idee che ispireranno l’edizione milanese. Ma oltre all’ìinteresse storico, questa attenzione al passato ha un’altra motivazione: “L’Expo milanese – spiega Fusina – non ha ancora una forma definita, ed è normale che sia così. Da sempre le Esposizioni Universali prendono forma e faccia solo all’ultimo momento”. La mostra che inaugura questa sera non sarà quindi più di un antipasto. Per il resto dovremo attendere.

 

Matteo Acmè

 

© Riproduzione riservata

Privacy Autorizzo al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art.13 del D.Lgs. 196/2003.
I dati saranno utilizzati per dare corso alla richiesta di abbonamento e non saranno ceduti a terzi. Leggi le note legali

* I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori

NOTA Per evitare messaggi inopportuni e spam, il commento non sarà immediatamente visualizzato.
La redazione provvederà a pubblicare i commenti al più presto, mentre i messaggi diffamatori, offensivi, razzisti e sessisti saranno eliminati.