Scultura contemporanea nel parco storico

Scultura contemporanea nel parco storico

Si apre domani nel parco archeologico di Scolacium, vicino Catanzaro, la sesta edizione di Intersezioni, con le opere dello scultore toscano Mauro Staccioli.

22 luglio 2011

0

Inizia domani, sabato 23 luglio, Intersezioni 6 – Cerchio Imperfetto, la sesta edizione della rassegna artistica di Catanzaro. Che quest’anno eccezionalmente si sdoppia, prevedendo la realizzazione di due mostre: una al parco archeologico di Scolacium e l’altra al museo MARCA di Catanzaro.

 

Protagonista dell’edizione di quest’anno è lo scultore di fama internazionale Mauro Staccioli, toscano di 74 anni, che ha realizzato tre opere per la mostra. “Staccioli si è dimostrato da subito molto disponibile”, dice il curatore della kermesse Alberto Fiz a ITALICnews. “Ha fatto un sopralluogo al parco e ha pensato, ideato e creato le sue opere appositamente per integrarsi con il luogo della mostra”.

 

La scultura principale dell’evento è probabilmente Anello Catanzaro ’11, una scultura di otto metri dal peso di 12 tonnellate che l’artista ha dedicato a questo evento. “Un’opera straordinaria di acciaio corten”, dice Fiz. L’anello diventa una sorta di cornice che racchiude il panorama del parco.

 

“La ragione per cui si fa una scultura è quella di trovare il senso dell’essere, dello stato nello spazio e nel tempo, di dare una forma significativa al mio, al nostro paesaggio”, ha detto Staccioli a confermare lo spirito della mostra.

 

Ma il parco di Scolacium, che si trova a circa 30 chilometri da Catanzaro, ospiterà anche altri lavori di Staccioli. Come Da sinistra a destra, un grande arco di 15 metri installato dentro al Teatro Romano, o Cerchio Imperfetto, un quadrato rosso dai lati curvi alto dieci metri che dà anche il titolo alla mostra.

 

"Cerchio Imperfetto" di Mauro Staccioli

 

 

La mostra, come detto, prosegue al museo MARCA con un percorso storico dedicato a sculture in cemento degli anni Settanta, allestite accanto a modelli di opere mai realizzate.

 

Nelle precedenti edizioni Intersezioni ha ospitato importanti scultori della scena italiana e internazionale, come Mimmo Paladino, Jan Fabre, Tony Cragg, Antony Gormley, Stephan Balkenhol, Wim Delvoye, Marc Quinn, Dennis Oppenheim e Michelangelo Pistoletto.

 

Di tutti loro è conservata una o più opere al Parco Internazionale della Scultura di Catanzaro. “Ed è nostra intenzione conservare una scultura anche di Staccioli. Probabilmente proprio l’Anello”, dice il curatore della mostra Fiz.

 

Valerio Pierantozzi

© Riproduzione riservata

Privacy Autorizzo al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art.13 del D.Lgs. 196/2003.
I dati saranno utilizzati per dare corso alla richiesta di abbonamento e non saranno ceduti a terzi. Leggi le note legali

* I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori

NOTA Per evitare messaggi inopportuni e spam, il commento non sarà immediatamente visualizzato.
La redazione provvederà a pubblicare i commenti al più presto, mentre i messaggi diffamatori, offensivi, razzisti e sessisti saranno eliminati.