Il crowdfunding può funzionare per le start up?

BostInno

Il crowdfunding può funzionare per le start up?

Finanziamenti condivisi per imprese nascenti: una strada innovativa ma con qualche rischio

Fino ad oggi per chi era in cerca di finanziamenti per la sua nuova attività o azienda innovativa la scelta era piuttosto limitata, in particolare in Italia: bisognava trovare un venture capitalist disposto a investire nell’idea o reperire fondi tramite business angels o istituzioni pubbliche.

 

Presto, però, potrebbe estendersi il meccanismo del crowdfunding — raccogliere piccole quantità di denaro da tante persone — anche alle start up. Un cambiamento che probabilmente porterebbe tanti nuovi soldi all’innovazione ma anche qualche rischio: un fondo di venture capital ha conoscenze e strumenti per valutare le idee migliori, la “selezione condivisa” riuscirebbe a essere altrettanto efficace?

10 febbraio 2012

Leggi (link esterno)