Giornata italiana in Silicon Valley

Giornata italiana in Silicon Valley

Giovedì 23 febbraio le undici start up selezionate da Mind the Bridge hanno presentato le loro idee agli investitori californiani. Timbuktu, rivista su iPad per bambini, vince la competizione

22 febbraio 2012

1

Impresa, innovazione, start up sono parole che si associano immediatamente alla Silicon Valley, in California, il distretto tecnologico dove di continuo nascono e crescono idee di successo.

 

Domani 23 febbraio a Berkeley saranno protagonisti i progetti di casa nostra: è l’Italian Innovation Day, organizzato da Mind The Bridge, l’incubatore di idee diretto da Marco Marinucci con base a San Francisco.

 

Secondo le stime della fondazione di Marinucci, in Italia — anche se per sua natura è un settore difficile da censire — nascono ogni anno circa mille start up, imprese innovative che spesso cercano finanziatori per espandersi. Ma questo patrimonio in evoluzione è ancora poco conosciuto e apprezzato sulla costa ovest degli Stati Uniti, dove questa cultura d’impresa si è da tempo affermata a pieno.

 

Così Mind the Bridge ha selezionato undici start up, che dopo quattro settimane di “incubazione” in cui respirare l’aria californiana, sono pronte a presentare le loro idee d’impresa a investitori esperti e venture capitalist internazionali.

 

Di alcune di queste aziende nascenti abbiamo già parlato, come Stereomood che offre playlist emozionali online per ascoltare musica a seconda del proprio stato d’animo, oppure Vinswer che permette di scambiare consulenze professionali video in Rete. Altre si occupano di nuovi modi di fare editoria per l’infanzia, o di strumenti per immagazzinare energie pulite, o ancora di tecnologie per permettere a persone disabili di controllare gli oggetti attraverso la mente.

 

Per tutte, l’opportunità è testare la propria idea ad altissimo livello: gli organizzatori dell’Italian Innovation Day si aspettano almeno 250 fra investitori, direttori d’impresa, ricercatori e professori universitari. Al termine delle presentazioni Mind the Bridge nominerà il vincitore della competizione 2011/2012.

 

[A vincere il premio sarà Timbuktu, che propone una rivista per bambini disponibile su iPad, immaginando uno strumento educativo d'innovazione e "multi-piattaforma".]

 

Il lavoro della fondazione non si confronta però con lo spazio di un solo mese. Più sul lungo termine, l’obiettivo è culturale, per promuovere un atteggiamento aperto, spregiudicato e propositivo fra i potenziali imprenditori italiani.

E magari ritagliare per loro uno spazio al sole della Silicon Valley, accanto ai più geniali innovatori del mondo.

 

 

[aggiornato il 24 febbraio]

© Riproduzione riservata

Privacy Autorizzo al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art.13 del D.Lgs. 196/2003.
I dati saranno utilizzati per dare corso alla richiesta di abbonamento e non saranno ceduti a terzi. Leggi le note legali

* I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori

NOTA Per evitare messaggi inopportuni e spam, il commento non sarà immediatamente visualizzato.
La redazione provvederà a pubblicare i commenti al più presto, mentre i messaggi diffamatori, offensivi, razzisti e sessisti saranno eliminati.