Nuovi tipi di robot, capaci di evolversi

IEEE Spectrum

Nuovi tipi di robot, capaci di evolversi

Per le sue ricerche il biologo John Long costruisce simili a robot per struttura e comportamento. Ha scritto Darwin’s Devices, dove indica nell’evoluzionismo lo sviluppo futuro degli automi.

 

In un’intervista a IEEE Spectrum spiega il suo metodo partendo dall’esempio di Tagro, robot acquatico programmato per dirigersi verso la luce. Al suo interno è installato un dispositivo che simula la capacità degli organismi di trasmettere un codice genetico ai loro successori (in questo caso ad altri robot, costruiti sul momento dai ricercatori di Long secondo le indicazioni).

Il numero di vertebre, la forma delle pinne: le modifiche che si riveleranno migliori saranno poi integrate nel progetto risultante.

 

Certo, la vera evoluzione è qualcosa di molto diverso, ma il lavoro di John Long indica una direzione. Un metodo di ricerca basato sulle interazioni tra robot e animali più che sulle simulazioni digitali.

31 maggio 2012

Leggi (link esterno)